Acquista Online

Barcellona: un viaggio letterario

Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

Ogni grande città è stata la culla di celebri artisti, scrittori e pensatori, che dall’atmosfera dei quartieri più caratteristici hanno saputo trarre ispirazione per le loro opere. Barcellona con la sua ricca storia è sicuramente una di queste: Mirò, Gaudì, Montserrat Caballé, Picasso, Miguel de Cervantes sono soltanto alcune delle personalità illustri legate al capoluogo della Catalogna.

Città portuale affacciata sul Mediterraneo, Barcellona è sempre stata terra di scambi culturali, una città d’arte capace di ispirare anche quegli artisti che ci hanno soltanto soggiornato. Città simbolo della Catalogna, casa di tantissimi scrittori, Barcellona è divenuta inevitabilmente protagonista anche del mondo letterario.

Ogni lettrice e lettore sa bene che quando una città fa da sfondo a un grande romanzo, leggerlo è un po’ come visitarla: per questo abbiamo pensato a una selezione di titoli (che non ha la pretesa di essere esaustiva, e in cui i titoli – molti dei quali delle novità editoriali – non sono proposti in ordine di importanza) che permetta di inebriarsi dei profumi del Mercado la Boqueria, passeggiare tra i suggestivi vicoli del Barrio Gotico e farsi suggestionare dai colori del parco Güell.

  • Imparare a parlare con le piante, Marta Orriols

    imparare a parlare con le piante
    Un romanzo in cui la vita e la morte si intrecciano nella vita della protagonista

    Paula e Mauro stanno insieme da vent’anni. Sono a pranzo in un ristorante di Barcellona, e lei sta per fargli una rivelazione importante, che potrebbe portare la loro relazione al piano che lui aveva sempre desiderato. Ma prima che lei possa svelargli la sua proposta, Mauro le confessa che frequenta un’altra donna e che vuole vivere con lei. Qualche ora dopo Paula riceve una telefonata: Mauro è stato coinvolto in un grave incidente ed è in fin di vita. Paula, così, dovrà affrontare il dramma della morte insieme a quello dell’abbandono. Durante il percorso Paula, che è dottoressa in un reparto di neonatologia, cercherà rifugio nel suo lavoro e si renderà conto di non aver fatto i conti neanche con la morte di sua madre, avvenuta durante la sua infanzia. (Ponte alle grazie, traduzione di Stefania Maria Ciminelli)
    Leggi la trama>>

  • I gerani di Barcellona, Carolina Pobla

    i gerani di barcellona
    Ispirandosi alle vicende vissute dalla propria famiglia, l’autrice ripercorre la storia iberica fino agli albori della guerra civile

    Rosario e Remedios sono due sorelle che abitano in una sontuosa villa di Málaga, fatta costruire per loro dal ricco padre commerciante. Siamo nel 1928 quando una delle navi del padre, usata per trasportare spezie, tessuti e tappeti, affonda. La tragedia della bancarotta si riversa sulla famiglia, e tocca proprio a Rosario e Remedios dare una nuova dignità al loro cognome. Per questo si trasferiscono a Barcellona, portando con sé dei semi di geranio, fiore simbolo della loro famiglia. Qui le divergenze caratteriali tra le due si faranno più forti, e la vita spesso le portera a dividersi, ma sarà il loro legame di sorelle a spingerle a vincere le avversità. (Garzanti, traduzione di Vera Sarzano)
    Leggi la trama>>

  • La Cattedrale del Mare, Idelfonso Falcones

    la cattedrale del mare falcones
    Una Barcellona medievale dipinta in un romanzo dalla forte presenza storica

    Siamo nella Barcellona del 1300, e Arnau, ancora un bambino quando viene costruita l’imponente cattedrale Santa Maria del Mar, non sa ancora quanto la storia di questa chiesa si intreccerà con la sua. Arnau è il figlio di un servo fuggiasco, e trova rifugio in una Barcellona che vive profonde trasformazioni sociali. L’affermazione dell’Inquisizione getta un’ombra scura sulla convivenza di più religioni e culture in città, e Arnau si troverà ad affrontare fame, inguistizie, la peste e la guerra, ma soprattutto si troverà a lottare per un amore osteggiato da tutto ciò che lo circonda. (Longanesi, traduzione di Roberta Bovaia)
    Leggi la trama>>

  • Un atelier a Barcellona, Núria Pradas

    un atelier a barcellona pradas
    Donne determinate e appassionate resistono e si fanno strada durante due tra i decenni più critici del ‘900. 

    Laia vive nella Barcellona del 1926 ed è una giovane apprendista della sartoria Santa Eulalia, da cui Ferran Clos, stilista sull’orlo del successo, prende ispirazione. Bellissima e spensierata, la sua vita viene improvvisamente investita dalla perdita. Al giungere della Guerra civile Laia è ormai una madre moderna ed elegante, colonna portante dell’atelier sia nei suoi momenti di maggior successo che durante i momenti più bui. Tra le mura dell’atelier si intrecciano i drammi della guerra, le storie di sarte e apprendisti, e la determinazione di donne che non hanno paura di ritagliarsi il proprio posto nel mondo. (Salani, traduzioni di Sara Cavarero)
    Leggi la trama>>

  • L’ombra del vento, Carlos Ruiz Zafón

    l'ombra del vento zafon
    Il romanzo più celebre di Carlos Ruiz Zafón, con più di otto milioni di copie vendute in tutto il mondo

    In questo romanzo si dipanano intrighi e misteri, sullo sfondo di una Barcellona divisa tra la ricchezza e l’eleganza simboleggiati dal modernismo e le difficoltà del dopoguerra. È il 1945: Daniel per il suo compleanno viene portato da suo padre, proprietario di un negozio di libri usati, al Cimitero dei Libri Dimenticati. Qui Daniel è invitato a scegliere un libro e a portarlo con sé, secondo la tradizione che vuole che lui se ne prenda cura per sempre. Ma Daniel non sa che anche qualcun altro è alla ricerca di quel libro, e che anche l’autore potrebbe nascondere dei segreti che complicheranno la sua vita… (Mondadori, traduzione di Lia Sezzi)
    Leggi la trama>>

  • L’amante di Barcellona, Care Santos

    l'amante di barcellona care santos
    Pubblicato in 18 Paesi, oltre 70.000 copie vendute in Spagna

    Questo romanzo è ambientato nella Barcellona dell’800, quando la città fu trasformata dalla demolizione delle mura e dalla costruzione della passeggiata della rambla. Protagonista è Virginia che ha appena ereditato la libreria Palinuro, attività di famiglia: Virginia si trova ad avere a che fare con pile di libri, molta polvere e le carte accumulate dal padre quando era ancora in vita. Tra queste si nasconde la storia misteriosa di Carlota Guillot che porterà Virginia alla ricerca di un libro, sfuggente e capriccioso, che faceva parte di una delle biblioteche private più raffinate della Barcellona napoleonica. (Salani)
    In uscita a settembre

  • Sud, Colm Tóbín

    colm toibin sud

    Un romanzo che narra una dolorosa, ma al contempo coraggiosa, ricerca di sé

    Nell’estate del 1950 Katherine Proctor, fuggita dall’Irlanda, decide di trasferirsi a Barcellona. Inizialmente confortata dalla solitudine, Katherine finisce per abbandonarsi all’amore per Miguel, alla passione per la pittura e alla frequentazione dell’ambiente bohémien della città. Una sera, però, l’incontro con Michael Graves, irlandese, le fa temere che lui sia lì per riportarla in Irlanda. Nel frattempo Miguel entra nel mirino dei soldati franchisti, ed è costretto a fuggire in montagna. Katherine, tra mille difficoltà, decide di seguirlo. Riuscirà a riconciliarsi con se stessa e con la sua terra? (Fazi, traduzione di L. Pelaschiar)

  • Omaggio alla Catalogna, George Orwell

    omaggio alla catalogna orwell
    Uno degli scritti più affascinanti di Orwell, un reportage che racconta anche un pezzo di vita dello scrittore

    Orwell si reca a Barcellona nel dicembre del 1936 proponendosi di fare il giornalista. Il suo percorso lo porta ad arruolarsi tra i repubblicani, a partecipare alla guerra e a vivere momenti fondamentali della storia spagnola del 900. Il racconto della sue vicissitudini, che ne formano il pensiero politico e la sua futura produzione letteraria, finiscono per comporre uno dei reportage più letti sulla guerra civile spagnola. Il viaggio in Spagna di Orwell termina con la fuga in Francia, e pone una pietra fondamentale nel suo rifiuto di ogni tipo di totalitarismo.
    Leggi la trama>>

  • Nada di Carmen Laforet

    nada carmen laforet
    Uno dei cento romanzi spagnoli migliori del Novecento, secondo El Mundo

    La guerra è appena finita e Andrea, orfana, si trasferisce a Barcellona per poter studiare all’università. Le sue speranze devono fare i conti con la realtà dei parenti che la ospitano, che convivono con il ricordo degli orrori della guerra in condizioni economiche disagiate. L’appartamento diventa un mondo claustrofobico e teso, che le mostra l’ipocrisia del perbenismo borghese. La vita di Andrea subisce un nuovo scossone con la conoscenza di Ena, compagna di studi altolocata, che instaura uno strano rapporto con suo zio Roman. A quale futuro può ambire Andrea finché rimane in questo ambiente? (Neri Pozza, traduzione di B. Bertoni)

The post Barcellona: un viaggio letterario appeared first on Il Libraio.

Fonte: www.illibraio.it