Acquista Online

Bocciolo di Primavera. di Emanuele Guazzo

Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

L’ esser cosi frustato,che io sono ingrato,che par uguale che lei mi ami,cosi che baci ciò che io non spoglio.
Nude anime,che si rubano gli sguardi,frusti d’erba gettati nei mari,che lontani orizzonti come cavalli,corrono al vento leggeri come piume.
L’ anima mia è allegra,che la tempesta fa in modo,che io più il resto non veda,tenebre anime che il gelo cerca,in questi giorni di fredda tempesta.
Cade la pioggia,mentre l’arida Terra si inebria,sono notti fredde come avvengono in deserti,che persino i santi,ne rinnegano la natura buona di questi posti.
Che l’anima mia taccia pure,tanto ne sono certo,che t’amo e ti perdo,come un bocciolo,che di primo giorno di primavera,sboccia in fiore,e ti fa chiedere poi,dove dunque sia il bocciolo.