Acquista Online

Da Ken Follett a Elena Ferrante: i libri più venduti nel mondo a settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Le classifiche internazionali di settembre 2020 sono dominate da due titoli: The Evening and the Morning di Ken Follett (in classifica in Francia, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti) e La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante (in classifica in Germania, Paesi Bassi, Spagna e Svezia).

Il primo, ai primi posti anche in Italia col titolo Fu sera e fu mattina (Mondadori), si svolge nell’anno Mille e narra la fondazione della città in cui è ambientata la saga di Kingsbridge (I pilastri della Terra, Mondo senza fine e La colonna di fuoco, Mondadori) scritta tra il 1989 e il 2017 e considerata da molti il capolavoro dell’autore gallese.

Il secondo, pubblicato per la prima volta lo scorso novembre, è uscito in contemporanea per 27 editori nel mondo il 1° settembre e sta riscuotendo un grande successo di critica oltre che di pubblico.

Tra le novità di narrativa di questo mese troviamo quelle di tre autori francesi tra i più venduti in patria e all’estero.

C’est arrivé la nuit (1°) di Marc Levy (Una ragazza come lei, La promessa di un’estate, Rizzoli) è il primo volume della serie “9” con protagonisti nove hacker che commettono crimini a fin di bene.

Skidamarink (2°) è una riedizione del primo romanzo, pubblicato nel 2001, di Guillaume Musso (L’istante presente, La vita è un romanzo, La nave di Teseo), un thriller che mescola enigmi, arte, storia ed economia.

La Planète des chats (9°) è il terzo episodio del “Cycle des chats” di Bernard Werber (Formiche, Longanesi), inventore del genere “philosophie fiction”, in cui lo scrittore offre una riflessione sull’evoluzione dell’umanità, sul bene e sul male e sui rapporti tra le specie attraverso il punto di vista dei gatti sul mondo.

Thomas Hettche è un eclettico scrittore tedesco che si è cimentato in vari generi, dal legal thriller (Il caso Arbogast, Einaudi) al romanzo storico (L’isola dei pavoni, Bompiani). In Herzfaden (4°) racconta la storia dell’Augsburger Puppenkiste – il teatro delle marionette di Augusta – attraverso la voce di Hatü, la figlia del fondatore e scultrice di tutte le marionette, in un inno al potere della fantasia capace di resistere anche ai tempi più bui.

Carmen Korn ha conquistato il successo con la trilogia “Jahrhundert” (Figlie di una nuova era, È tempo di ricominciare, Aria di novità, Fazi) in cui racconta della sua città, Amburgo, attraverso l’amicizia di quattro donne. Und die Welt war jung (6°) è il primo volume dell’omonima nuova saga ambientata nei decenni del dopoguerra tra Colonia, Amburgo e Sanremo. Seguendo la storia di tre famiglie amiche, tra piccoli e grandi eventi, momenti di festa e sfide da affrontare, l’autrice trasmette il suo messaggio di speranza che anche dalle difficolta può emergere qualcosa di buono e che c’è ancora spazio per la vita e la felicità.

Attore di cinema e teatro, sceneggiatore e autore di testi teatrali, Arthur Japin (Il nero dal cuore bianco, Guanda, attualmente fuori catalogo; La donna che non voleva arrendersi, Bompiani) è autore di numerosi racconti e romanzi, per lo più storici, con i quali ha vinto i più prestigiosi premi letterari olandesi. Il suo ultimo libro Mrs. Degas (9°) è ambientato a Parigi nel 1912 e ha per protagonista il pittore Edgar Degas, diventato cieco e costretto a trasferirsi in un altro appartamento. Lo aiuta una donna misteriosa che riferisce in segreto sulle sue visite e intenzionalmente spinge l’artista a ricordare l’unico – e impossibile – amore della sua vita: quello per la cugina cieca Estelle, una creola di New Orleans, conosciuta durante il suo viaggio in America e lì ritratta in cinque dipinti.

The Thursday Murder Club (1° nel Regno Unito, tr. it. Il club dei delitti del giovedì, SEM) del noto presentatore televisivo Richard Osman è un giallo venato di British humour con protagonisti quattro anziani ospiti di una casa di riposo. Gli improbabili amici si incontrano una volta alla settimana per indagare sui casi di omicidi irrisolti, studiando i fascicoli della polizia acquisiti segretamente. Quando un brutale omicidio ha luogo proprio sulla loro soglia di casa, recitando la parte degli anziani curiosi e vagamente ingenui, si mettono sulle tracce dell’assassino.

Troubled Blood (3°, tr. it. Sangue inquieto, di prossima pubblicazione per Salani) è il quinto romanzo di Robert Galbraith (pseudonimo di J. K. Rowling) con protagonista l’investigatore privato ed ex veterano dell’Afghanistan Cormoran Strike, questa volta alle prese con un cold case.

Ha un passato in televisione anche il giornalista Robert Harris, ormai dedicato interamente alla narrativa dopo i successi internazionali dei suoi thriller (Fatherland, Pompei, Conclave, Il sonno del mattino, Mondadori). V2 (4°, appena uscito per Mondadori con lo stesso titolo) si svolge nel 1944 e segue le vicende parallele dell’ingegnere tedesco Rudi Graf che, disilluso e preoccupato ma costretto ad obbedire, ha contribuito a costruire i micidiali missili V2, e di Kay Caton-Walsh, ausiliaria dell’aeronautica militare britannica, scampata per poco all’esplosione di uno di questi brutali strumenti di terrore, in missione nel Belgio da poco liberato dai tedeschi per localizzare e distruggere le basi di lancio dei V2.

Leonardo Padura è uno scrittore cubano, noto principalmente per la serie di noir del tenente Mario Conde, tradotti in Italia da Bompiani (tra cui Eretici, Venti di Quaresima e La trasparenza del tempo). Como polvo en el viento (5° in Spagna) è la storia di un gruppo di amici sopravvissuti a un destino di esilio e dispersione, un viaggio attraverso il trauma della diaspora e della disgregazione dei legami ma anche un inno all’amicizia, ai fili invisibili e potenti dell’amore e della lealtà.

La buena suerte (6°) di Rosa Montero (Lacrime nella pioggia, In carne e cuore, Salani; La ridicola idea di non vederti più, Ponte alle Grazie) è un romanzo esistenzialista che esplora le complessità e contraddizioni della nostra esistenza e invita a cogliere le seconde possibilità che la vita ci offre. Pablo, il protagonista, per fuggire a qualcuno o a qualcosa o forse a se stesso, scende all’improvviso dal treno a Pozonegro, vecchio centro carbonifero ormai agonizzante, dove tutti nascondono un segreto più o meno pericoloso. Un grande gioco delle falsità che verrà gradualmente svelato lasciando finalmente la vita libera di esprimersi.

Dopo quattro libri autobiografici, il giornalista e blogger svedese Alex Schulman si affaccia sulla scena internazionale con Överlevarna (1°), in cui esplora l’essenza più intima e la vulnerabilità dell’infanzia attraverso la storia di tre fratelli che, a distanza di vent’anni da un evento traumatico, tornano al cottage in riva al lago dove la madre ha inaspettatamente chiesto di essere sepolta. Tra loro vibra una corrente pericolosa e l’urgenza di capire che cosa è successo veramente quel giorno d’estate in cui tutto è andato in pezzi.

Non ha bisogno di presentazioni Jonas Jonasson (Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, L’analfabeta che sapeva contare, L’assassino, il prete, il portiere, Bompiani; Il centenario che voleva salvare il mondo, La nave di Teseo) che con la sua ironia ed esuberanza narrativa ha conquistato i lettori di tutto il mondo vendendo sedici milioni di libri in quarantasei paesi. Hämnden är ljuv AB (8°) si svolge in vari continenti seguendo le vite parallele di personaggi più o meno strampalati – un commerciante d’arte senza scrupoli, una stregona africana che desidera un figlio, un imprenditore che offre servizi di vendetta per piccoli torti – che lentamente convergono a formare un’unica storia.

È invece ambientato nel North Carolina The Return (tr. it. La magia del ritorno, Sperling & Kupfer), l’ultimo romanzo giallo-rosa di Nicholas Sparks con protagonista un ex chirurgo che, costretto a lasciare la professione in seguito alle gravi ferite riportate in Afghanistan, si trasferisce temporaneamente nella vecchia casa di legno accanto al fiume ereditata dal nonno, alla ricerca di una nuova strada.

Nella saggistica, dopo mesi di libri-denuncia sul Coronavirus e sulla crisi della democrazia, segnaliamo quattro titoli che cercano di rispondere all’annosa domanda: che fare?

In Eloge de la force (4° in Francia) Laurent Obertone (Guerriglia, Signs Publishing) si rivolge a “Monsieur moyen” invitandolo a prendere coscienza della dura realtà, dei suoi riflessi condizionati, della sua passività nei confronti di “Big Brother” e lo sprona a ritrovare la fierezza della propria individualità, a cambiare se stesso per cambiare il mondo.

D’un monde à l’autre (6°), firmato dal giornalista e ambientalista Nicolas Hulot e dal filosofo e sociologo Frédéric Lenoir (Lettera aperta agli animali (e a coloro che li amano), La nave di Teseo; Rallenta, ascolta, respira, Piemme) auspica una rivoluzione della coscienza, una conversione delle menti e degli stili di vita per costruire un mondo più equo, più sobrio, più connesso alla Terra.

Hamed Abdel-Samad (Il Corano. Messaggio d’amore, messaggio di odio, Fascismo islamico, Garzanti) è un politologo e scrittore tedesco di origine egiziana noto per le sue denunce contro le tendenze autoritarie nell’Islam. In Aus Liebe zu Deutschland (4° in Germania) invita a prendere coscienza del valore della democrazia, della libertà di espressione e del pluralismo e ad attivarsi per difendere queste conquiste, tutt’altro che scontate.

Vårt enda liv (9°, tr. it. Questa vita, di prossima pubblicazione per Neri Pozza) del filosofo e studioso svedese di letteratura Martin Hägglund è un manifesto per “la fede secolare e la libertà spirituale” che dovrebbero portarci oltre la religione e il capitalismo. Perché le questioni spirituali della libertà non possono essere separate dalle condizioni economiche e materiali: tutto dipende da ciò che facciamo durante questa vita e da come ci trattiamo l’un l’altro.

Qui le classifiche mensili con i bestseller in Francia, Germania, Cina, Regno Unito, Svezia, Spagna, Usa e… 

 

nota: dal 1985 Informazioni Editoriali, che fa parte del gruppo Messaggerie Italiane, è leader in Italia nella realizzazione e nella gestione di database bibliografici, nonché nella fornitura di servizi informativi per il mondo del libro. È anche editrice del portale iBUK, da cui sono tratte queste classifiche internazionali.

The post Da Ken Follett a Elena Ferrante: i libri più venduti nel mondo a settembre 2020 appeared first on ilLibraio.it.

Fonte: www.illibraio.it