Acquista Online

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

L’infinito di Leopardi a duecento anni dalla sua scrittura – Davide Rondoni presenta: E COME IL VENTO. L’infinito, lo strano bacio del poeta al mondo.

14 maggio ore 19:00

Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

Martedi 14 maggio ore 19,00

In occasione dei 200 anni dalla scrittura dell’Infinito di Giacomo Leopardi

Incontro con l’autore

Davide Rondoni

sul suo nuovo libro

E come il vento

L’infinito, lo strano bacio del poeta al mondo

Fazi Editore

Introduce

Irene Ester Leo

poetessa

IL LIBRO

Un poeta attraversa l’Italia e L’infinito di Leopardi a duecento anni dalla sua scrittura. Una poesia-magnete. Un viaggio nel presente con questo infinito tra i denti e nel cuore. Perché certe opere del genio umano non si possono banalmente “capire”, ma superano ogni tentativo di definizione, si devono piuttosto con-prendere, portare con sé e sempre occorre lasciarsi interrogare, stupire, guidare. Ancora ci fissa negli occhi il ragazzo di Recanati che mormorava “infinito”. Se in Natura tutto è finito, perché l’anima si addolora per il venire meno di ciò che ama e le dà piacere? Cosa – o chi – spinge l’uomo, negli affetti, nelle relazioni, nelle azioni e nei pensieri quotidiani, a non abbandonarsi a una finitudine che accetta ma che al tempo stesso «aborre»? L’infinito è davvero soltanto un frutto della nostra illusione? O lo si può sperimentare? Alla luce della grande letteratura e della vita, accettando anche la sfida con le teorie matematiche di studiosi come Pavel Florenskij, Georg Cantor e Paolo Zellini, e in dialogo con filosofi, critici e poeti di ieri e oggi, Davide Rondoni scopre significati nuovi, e trova in questi versi una potente e meravigliosa bussola per vivere il presente, le sue contraddizioni, i suoi incanti. Un’interpretazione nuova, viva, per abitare non altrove dalla poesia.

«Il ragazzo che mormora “infinito” mi fissa
mentre viaggio in qualche parte sperduta d’Italia
o del mondo. Sai cos’è vivere con l’infinito addosso?
Viaggia, viaggia pure, sembra dirmi.

Ama, soffri, scrivi, abbraccia le cose della vita.
E cerca l’infinito. Sii il suo lupo, il suo mendicante.
Poi mi deposita questa poesia tremante

come una rondine chiusa nel palmo,
un carbone ardente o un cristallo di kryptonite».

L’AUTORE

Davide Rondoni nasce a Forlì nel 1964. Poeta e scrittore, ha pubblicato diversi volumi di poesia con i quali ha vinto alcuni tra i maggiori premi. È tradotto in vari paesi del mondo, collabora a programmi di poesia in radio e tv e come editorialista per alcuni quotidiani. Ha fondato il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna e la rivista «clanDestino».

Dettagli

Data:
14 maggio
Ora:
19:00
Categoria Evento:

Organizzatore

Liberrima

Luogo

Liberrima
Corte dei Cicala, 1
Lecce, 73100 Italia
+ Google Maps
Telefono:
0832 242626
Sito web:
http://www.liberrima.it