Acquista Online

Giovanni Giudici: la poesia (democratica), la parola, la vita

Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

Il problema, per Giovanni Giudici (26 giugno 1924 – 24 maggio 2011), è sempre stato questo: trovare una forma che renda la poesia comunicabile, espressione del suo civico interesse per le cose del mondo, lotta per la salvaguardia di uno spazio sociale per la parola poetica, continuamente e sempre più minacciata dal potere e dalla comunicazione. Perché se la ricerca di un linguaggio democratico è quella che anima il fare di Giudici, allora si tratta di rendere democratico anche il sublime, abbassarlo alla comprensione e all’esperienza quotidiana di tutti. Ed è così che un sublime siffatto diventa anche un punto di vista, uno sguardo preciso da posare sul mondo, una posizione da cui guardare la realtà… – L’approfondimento

L’articolo Giovanni Giudici: la poesia (democratica), la parola, la vita proviene da Il Libraio.

Fonte: www.illibraio.it