IMG_0860Vi ricordate che cosa stavate facendo il 15 aprile 2019? Probabilmente eravate incollati allo schermo della televisione, in attesa di qualche buona notizia. Ma di buone notizie purtroppo non ne sono arrivate e avete visto la meravigliosa chiesa gotica di Notre-Dame bruciare davanti ai vostri occhi, come se fosse state realizzata di carta. Chi ha avuto modo di visitarla in passato, è rimasto colpito nel cuore, come se a bruciare fosse stata la sua stessa casa. Chi ancora non ha avuto modo di scoprire l’incanto di questa cattedrale, è rimasto colpito comunque, un bene inestimabile infatti, non dei francesi, ma dell’umanità intera, che veniva spazzato via in poche ore appena. La sensazione che tutti hanno provato è stata di impotenza assoluta. Non c’era niente che si potesse fare per salvarla!

Ken Follet ama le cattedrali, lo ha ammesso lui stesso in una recente intervista, cattedrali che spesso sono presenti infatti nei suoi romanzi, non mere location ma luoghi ricchi di fascino e di misteri che giocano un ruolo importante nel suo plot letterario. Nonostante questo, lui stesso ha affermato di essere rimasto piuttosto sorpreso della sua reazione. Non si è sentito infatti solo triste nel profondo, ma anche commosso ed emozionato davanti a quella bellissima chiesa gotica che prendeva fuoco. Da questi sentimenti nasce un piccolo libro, che prende semplicemente il nome di “Notre-Dame”, edito in Italia dalla casa editrice Mondadori.

Se amate Ken Follett e se il rogo di Notre Dame vi è entrato nel cuore, potete stare certi che resterete incollati alle pagine di questo libricino, dove lo scrittore racconta come si è sentito assistendo a questa tragedia e dove ripercorre alcuni momenti salienti della vita della cattedrale nei secoli, senza dimenticare ovviamente l’influenza che ha avuto su Victor Hugo, un vero e proprio genio narrativo che ha fatto della cattedrale di Notre Dame il luogo di uno dei suoi più famosi romanzi. Con questo libricino avrete insomma modo di entrare nel vivo della cattedrale e di scoprire molti suoi segreti. È importante ricordare poi che i proventi verranno devoluti dallo scrittore alla Fondation du Patrimoine.