IMG_0849Con l’arrivo dell’estate, sono numerose le persone che vanno alla ricerca di un buon libro da leggere sotto l’ombrellone. I racconti sono una forma di scrittura eccellente per le vacanze, veloci da leggere, scorrevoli, ideali per i momenti di pausa tra un’attività e l’altra. È bello se questi racconti possono anche dare importanti spunti di riflessione al lettore, così che sia possibile dare maggiore valore a quella lettura, così che sia possibile fare in modo che quella lettura non resti fine a se stessa, ma abbia anche delle ripercussioni positive sulla propria vita, sul modo di condurla, sulla propria personalità. Se anche voi la pensate proprio in questo modo, dovreste allora assolutamente prendere in considerazione il nuovo libro di Prem Rawat dal titolo “Quando il deserto fiorisce” uscito nel mese di maggio 2019 per la casa editrice BUR.

Prem Rawat è nato in India nel 1957. A partire dall’età di 4 anni ha iniziato a parlare di pace ed era solo un tredicenne quanto è stato invitato in America per tenere un discorso sulla pace e sulla possibilità di riuscire a insieme a creare un mondo migliore rispetto a quello in cui attualmente viviamo. È un ambasciatore instancabile, che da anni ormai gira per il mondo, dei veri e propri tour che raccolgono anche oltre 2000 persone ad incontro. Ha anche dato vita a The Foundation, che ha come scopo l’ottenimento della pace, delle pari dignità per tutte le persone del mondo, del miglioramento della qualità della vita.

Proprio di questi temi trattano i racconti racchiusi in “Quando il deserto fiorisce”, racconti che devono essere letti come veri e propri messaggi di speranza. Immaginate per un attimo un deserto che fiorisce. Si tratta di un’immagine molto significativa, un luogo infatti ostile che invece è brulicante di vita e che ci fa ben sperare per il futuro, che ci fa sperare che nonostante le difficoltà sia ancora possibile che la bellezza debba arrivare, che sia ad un passo da noi. Il volume ci racconta che la vita è un ciclo, di rinascita e di possibilità e che è necessario fare pace con se stessi per riuscire a portare la pace nel mondo, che sentendosi vivi è possibile anche sentirsi felici e che quella felicità può essere la chiave del cambiamento.

Racconti con i più disparati protagonisti, ma anche riflessioni generali e suggerimenti pratici, è questo che il volume racchiude, corredato dalle meravigliose illustrazioni di Aya Shiroi.